Brevi dal Consiglio Comunale - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

Brevi dal Consiglio Comunale

La Balzana, il periodico di informazione del Comune di Siena, si rinnoverà nella veste e nella scelta dei contenuti. Questa, in sintesi, la risposta del Sindaco Franco Ceccuzzi all’interrogazione avanzata, durante l’odierna seduta consiliare, da Laura Vigni di Sinistra per Siena e Marco Falorni del gruppo Liste Civiche Senesi, che chiedevano informazioni circa il ritardo per la costituzione del Comitato di garanzia del giornale.

Il periodico che festeggia quest’anno il 50° della sua fondazione, proprio in occasione del suo mezzo secolo di storia,  come ha fatto presente il Sindaco, verrà presentato al pubblico nel suo nuovo progetto editoriale.

Falorni ha auspicato il miglioramento annunciato da Ceccuzzi, a patto, però, di spazi dialogici riservati, come in precedenza, all’opposizione.

 

Il Contratto di Quartiere a S. Miniato è stato l’oggetto dell’interrogazione presentata da Giovanni Bazzini e Anna Gioia del gruppo PD. Alla richiesta dei consiglieri, circa i ritardi nella realizzazione del progetto che aveva preso avvio alla fine del 1999, l’assessore ai Lavori Pubblici Luciano Cortonesi ha dettagliato la descrizione di quanto era avvenuto negli anni. Dalla non aggiudicazione della prima gara, per la rinuncia del primo e secondo aggiudicatario, alla successiva consegna alla ditta CO.G&AP S.p.A. di Napoli nel novembre 2004 e da qui a tutta una serie di sospensioni e proroghe che portavano al 15.7.2009  alla redazione del certificato di ultimazione dei lavori con un ritardo di circa un anno e con una serie di interventi mal eseguiti, non eseguiti, da  ripristinare. Dal settembre 2009, come ha evidenziato l’assessore, <<il cantiere è rimasto  in condizioni di abbandono, fino alla consegna, il 9 giugno 2010, delle opere per il secondo stralcio ad altra impresa>>. Una serie di vicissitudini che, visti i ritardi, hanno spinto, lo scorso agosto,  l’Amministrazione comunale ad intervenire direttamente pur in pendenza del lodo arbitrale attivato. <<Si procederà – ha concluso Cortonesi – all’effettuazione dei lavori necessari per i ripristini e le ultimazioni, così da consentire la consegna nel più breve tempo possibile dei beni, approntando, nel contempo, una procedura  in danno a carico della CO.G&AP. S.p.A. La limitazione delle risorse economiche non consente, però, di attivare un unico intervento il cui importo si aggira intorno a 1,6 milioni di euro. I lavori, quindi, si effettueranno in più fasi. La prima sarà esecutiva nel prossimo ottobre-dicembre, così da consegnare il locale per il centro anziani del quartiere, i 39 appartamenti, i locali destinati alla Misericordia e gli uffici decentrati della ex Circoscrizione, posizionati, provvisoriamente, all’interno di una parte del corpo D1>>.

Il consigliere Bazzini si è dichiarato soddisfatto dalla dettagliata spiegazione pur evidenziando la necessità di una maggiore attenzione, in modo da evitare tempi troppo dilatati.

 

Siena capitale europea della cultura In merito alla candidatura delle nostra città a capitale europea della cultura Enrico Tucci e Alessandro Manganelli, consiglieri del gruppo Il Popolo della Libertà, hanno chiesto se fosse stato destinato un apposito capitolo di spesa a sostegno dell’attività del Comitato di progetto, costituito lo scorso novembre; quali le iniziative fino ad oggi intraprese e quali i costi fino ad ora sostenuti.

 

 

 

 

 

 

 

 

L’assessore alla cultura Lucia Cresti, nel rispondere ha fatto presente che le risorse necessarie al finanziamento del Comitato Promotore, del Comitato Scientifico  e del Comitato di Progetto, come da deliberazione della precedente Giunta comunale del 2009,  saranno costituite dal residuo della gestione del Comitato per la mostra di Duccio di Boninsegna. 137.406 euro da destinare, come da auspicio del Comitato per l’allestimento dedicato a Duccio, “per iniziative di altissimo livello culturale per promuovere la città di Siena in Italia e all’estero”. <<Un auspicio – ha detto la Cresti – che si è concretizzato con la costituzione del Comitato promotore per Siena capitale europea della cultura 2019>>. Per quanto riguarda le iniziative, queste saranno pubblicizzate non appena approvate e formalizzate. Mentre, per quanto concerne i costi sostenuti dal Comune fino ad oggi, questi sono pari a zero, visto che la spesa di

€ 1.416,70  per la registrazione dell’atto e di € 24.000 alla Società Mens Sana Basket S.p.A. per l’attività di comunicazione attivata durante le final four di Barcellona dello scorso maggio, sono state attinte, appunto,  dall’apposito  fondo; anche se  l’amministrazione si  riserverà, in futuro, la possibilità di integrare la cifra attualmente a disposizione.

L’assessore Cresti ha, inoltre, ricordato al consesso che l’iter da seguire per il riconoscimento di Capitale europea della cultura è molto lungo e che ad oggi non esiste nessuna candidatura ufficiale. Solo alla fine del 2012, infatti, sarà pubblicato l’invito a presentare le richieste. <<La nuova amministrazione intende ripartire dando massima operatività a questa sfida che ritiene una grande opportunità di sviluppo culturale ed economico per la città e il territorio. Occorre, quindi, accelerare le nostre azioni, in modo da essere pienamente competitivi e pronti ad aderire al futuro bando di preselezione con un nostro progetto di assoluto livello culturale>>.

Il consigliere Tucci esprimendo soddisfazione dal punto di vista formale,  ha ritenuto l’iniziativa il passo più importante che l’Amministrazione farà durante il suo mandato e, pur confermando che è un  progetto in cui crede, ha lamentato il ritardo per la parte progettuale.

 

Cartelli indicatori per la risalita della Stazione I consiglieri del gruppo Il Popolo della Libertà: Pietro Staderini, Alessandro Nannini, Alessandro Manganelli, Andrea Corsi e Marco Del Dottore hanno chiesto il perché della carenza di cartelli indicatori da e per la risalita automatizzata che collega la Stazione ferroviaria all’Antiporto di Camollia,  oltre alla mancanza di indicazioni per il “centro” e la stessa Stazione per chi usa la struttura. L’assessore al traffico Alessandro Mugnaioli, proprio riconoscendo l’importanza di un’adeguata segnaletica, ad ora assente, ha informato che il progetto è già pronto, rimane solo di sintonizzarlo con l’intera area, così da ottenere una segnaletica in grado di rispondere alle varie esigenze. <<Un’informazione  soddisfacente da raggiungere con i contributi ed i suggerimenti di tutti, in modo da fare vera “accoglienza”>>.

Una risposta esaustiva, quella di Mugnaioli, che ha riscontrato il consenso dell’opposizione.

 

Abbattimento barriere architettoniche nella risalita della Stazione sempre da parte dei

consiglieri del gruppo Il Popolo della Libertà: Pietro Staderini, Alessandro Nannini, Alessandro Manganelli, Andrea Corsi e Marco Del Dottore l’interrogazione relativa alla mancanza di un sistema automatizzato per l’utilizzo della risalita, che collega la Stazione ferroviaria all’Antiporto di Camollia, da parte dei portatori di handicap.

<<L’impianto – come ha precisato l’assessore all’urbanistica Paola Rosignoli – è un’infrastruttura di mobilità, pertanto non prevede quanto richiamato dal DPR n. 503 del 1996, relativo ad edifici, spazi e servizi pubblici (mezzi di trasporto)>>. Il costo di un montascale <<tecnicamente possibile>> si aggirerebbe intorno ai 170/190.000 euro, con una manutenzione di circa 3.600 euro all’anno. Ma proprio per  dare <<risposte concrete alle aspettative, la questione sarà esaminata e sviluppata con l’Osservatorio per

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

l’abbattimento delle barriere architettoniche che si riunirà in questo mese>>. L’assessore, ha, inoltre, ricordato la convenzione stipulata tra Siena Parcheggi e Pubblica Assistenza per il servizio a chiamata tra Piazza Rosselli e Antiporto di Camollia, in grado di permettere spostamenti anche a coloro che per handicap motori non possono usufruire della risalita. La risposta ha trovato abbastanza soddisfatti gli interroganti.

 

Subentro Cooperativa La Rondine ai servizi della ASP di Siena”Campansi” Pietro Staderini, Alessandro Nannini, Alessandro Manganelli, Andrea Corsi e Marco Del Dottore (gruppo Il Popolo della Libertà) hanno presentato un’interrogazione per sapere se il subentro della Cooperativa La Rondine  per i servizi di assistenza alla persona al Campansi fino ad ora gestiti dalla Cooperativa il Cardine non rappresentasse una forma anomala di sostituzione. I consiglieri, inoltre, hanno chiesto informazioni circa la qualità e il prezzo del servizio offerto dalla nuova gestione, in quali altre attività è subentrata e il costo richiesto, oltre a richiedere conoscenza relativamente alle attività gestite dal Cardine per l’Asp e il compenso versatogli nel 2010.

L’assessore alla Sanità e Servizi Sociali Anna Ferretti ha spiegato ai presenti che  lo scorso 27 giugno la Cooperativa Il Cardine aveva stipulato atto di cessione  e vendeva alla Società La Rondine il ramo di azienda inerente i servizi sanitari, socio-sanitari e assistenziali. Conseguenzialmente <<l’Asp ha verificato la sussistenza dei requisiti e richiesto una serie di documenti a verifica, accertando, per La Rondine, la possibilità dello svolgimento delle attività richieste>>. Nulla, quindi, è mutato nella modalità gestionale e nelle attività prestate. Mentre la Cooperativa Il Cardine continua a fornire attività socio-assistenziali, animazione, fisioterapia  e supporto in alcuni moduli del Campansi; attività alberghiere e di supporto al Butini Bourke, servizio di assistenza domiciliare, di parrucchiere e pedicure. Il costo sostenuto dall’Asp per Il Cardine nel 2010 è stato di € 2.430.941, 82 (€1.978.249 per i servizi residenziali e € 452.692,63 per quelli domiciliari ); mentre la spesa per la Società La Rondine per il periodo agosto/dicembre 2011 è quantificabile in presunti € 1.099.000 (€ 919.000 per i servizi residenziali e € 180.000 per quelli domiciliari).

Il consigliere Staderini ha definito “impeccabile e puntuale” la risposta fornita dall’assessore. <<Ora siamo tranquilli – ha osservato, giocando sulle parole - sul fatto che le nostre Residenze assistite continueranno ad essere assistite>>.